Coppie geek chic in cucina: intervista ai blogger di SingerFood

Era il marzo del 2011 quando Pietro e Francesca parteciparono come concorrenti a una puntata di Fuori Menu, il programma culinario in onda su Real Time. Da quel giorno la passione per la cucina è entrata prepotentemente nella loro vita e la prima conseguenza è stata aprire il loro food blog: SingerFood, un mondo frizzante dove le ricette di Pietro e la fotografia di Francesca si mescolano alla parole, al vino, al design e alla buona musica.

Originari di Brindisi, Pietro e Francesca ora vivono a Milano dove da poco hanno anche aperto una trattoria: sul loro blog più di cento ricette tra antipasti, primi, secondi e dolci, spesso dal retrogusto salentino. Oltre a ingredienti e procedimenti, su SingerFood trovi suggerimenti sul vino da abbinare e sulla musica da ascoltare e piccole divertenti storie quotidiane della loro vita a due, in un originalissimo mix che rende la lettura un vero piacere multisensoriale.

Io li ho scoperti per caso cercando degli abbinamenti di ricette e vino in rete e, tra una ricetta, una foto su Instagram e un tweet, ho scoperto che Pietro e Francesca sono un caso eclatante di coppia geek chic: si semplificano la vita in cucina e in famiglia (hanno una bimba: Lavinia) con la tecnologia, condividono piatti, viaggi, libri e gadget sui social network e hanno pure un piccolo “orto urbano” sul balcone in cui coltivano alcuni dei coloratissimi vegetali che arrivano sulla loro tavola.

Potevo lasciarmeli scappare? Ovviamente no: ho mandato un’email irruenta e un po’ naïf al loro indirizzo email e il risultato è una deliziosa conversazione ritmata, farcita di app, consigli e qualche gadget bizzarro.

Godetevi quest’intervista tech a Pietro e Francesca, e iniziate a seguire SingerFood su Instagram e Facebook! 😉

Composizioni di ricette e gadget anche tecnologici sull'Instagram di SingerFood

Composizioni di ricette e gadget anche tecnologici sull’Instagram di SingerFood

 

Ciao Pietro e Francesca! Parliamo del vostro blog Singerfood. Ci raccontate la sua storia?

Nasce poco più di quattro anni fa dalla voglia di raccontarci, di condividere attraverso parole e immagini cosa anima la nostra cucina, i piatti che Pietro ama preparare e la musica che accompagna pranzi e cene.

Cos’ha di diverso dagli altri food blog?

Ci sono ricette, racconti e immagini proprio come nella maggior parte dei blog di cucina, ma ciò che speriamo emerga sia la “leggerezza” con cui viviamo i piaceri della tavola; nessun fondamentalismo o fanatismo, per noi vivere la cucina è puro piacere della condivisione.

Per ogni ricetta consigliate un vino e una canzone. Come li scegliete?

Le canzoni le annotiamo sulla lavagnetta attaccata al frigo ogni volta che ne ascoltiamo una che ci piace o ne ricordiamo un’altra che fa parte del nostro bagaglio musicale-culturale. I vini li sceglie Pietro a ricetta ultimata, il più delle volte sono proprio quelli con cui accompagniamo la preparazione.

Qual è la soddisfazione più grande che vi ha dato il blog?

Sicuramente i rapporti che ci ha permesso di instaurare e coltivare con appassionati del mondo dell’enogastronomia “un po’ fissati” come noi, che oggi sono diventati amici preziosi.

Descrivetevi in 140 caratteri.

Francesca: Viaggio, degusto & twitto. Mamma, foodie, geek, runner, blogger e lettrice onnivora. Fotografo e racconto fotogrammi della mia vita.

Pietro: La passione per la cucina e la musica mi accompagnano da sempre, la prima sta diventando un lavoro e la seconda la sua colonna sonora.

Siete una coppia su Internet e nella vita. Parliamo di divisione dei compiti: Pietro cucina, Francesca fotografa e scrive e poi?

Insieme rassettiamo, siamo una coppia perfettamente equilibrata e organizzata anche nella gestione domestica, dietro le quinte del blog.

Sul vostro blog scrivete “Il cibo e il vino sono per noi passione e leggerezza”, cos’è per voi la tecnologia nella vita di ogni giorno?

È un importante alleato.

iPhone o Android?

iPhone per entrambi.

Mac o Windows?

Mac per Francesca e Windows per Pietro.

eBook o libro di carta?

Ebook durante viaggi e spostamenti, libri di carta nelle letture notturne (aumentate con l’arrivo di nostra figlia) e in vacanza.

L’ultimo libro letto?

Il perfezionista. Vita e Morte di un Grande Chef” di Chelminski Rudolph.

Musica in streaming o in vinile?

Entrambe. La prima per comodità e pulizia del suono, la seconda per ritrovare del sano romanticismo: abbiamo tanti radiofonografi e giradischi vintage, amiamo il suono della puntina che poggia sul vinile.

Un disco da riscoprire…

The Queen is Dead” di The Smiths

C’è un’app senza la quale non riuscireste a vivere?

Shazam, sempre per rimanere in tema musicale.

Un’app o un software indispensabile per il lavoro?

Evernote sicuramente.

Un’app per la vita di coppia?

Banalmente WhatsApp, quando siamo distanti condividiamo momenti e pensieri costantemente.

Una per le neomamme e i neopapà?

Per le coppie che aspettano un bambino iMamma e per chi ha partorito iBimbo.

Un’app per chi ama cucinare…

La nuovissima WorldRecipes by Expo Milano, una raccolta di ricette provenienti da tutto il mondo.

… e una per chi non sa cucinare?

L’applicazione di Giallo Zafferano continua ad essere la più completa e facile da usare.

Un’app per chi ha un orto urbano (come voi) o un giardino pensile a rischio (come me)?

Ho usato qualche volta “I Save The Plant” per farmi suggerire come sconfiggere la “cocciniglia” che aveva infestato il mio piccolo ulivo sul balcone.

Un’app per sommelier dilettanti?

Vivino, la stiamo sperimentando proprio in questo periodo.

Un’app segreta per migliorare le foto?

Con i nuovi aggiornamenti di iOS è possibile modificare ed editare le foto subito dopo lo scatto, non uso nessun altra applicazione.

Qual è l’ultima app che avete installato?

Puzzle per Bambini” per far giocare nostra figlia

Un’ossessione tech…

Francesca: Il cardiofrequenzimetro quando faccio running

Una persona da seguire su Instagram e/o Twitter?

Su Twitter l’instancabile Paola Sucato (@Ci_polla) pronta a raccontare di novità e curiosità del mondo food e non solo. Su Instagram Justine de Le Funky Mamas (@ju_lefunkymamas) per lasciarsi ispirare da una super donna, mamma e creativa.

Qual è il più grosso problema che siete riusciti a risolvere con la tecnologia?

Ritrovare il telefono dimenticato in un negozio grazie alla localizzazione (ndr: app Trova il mio iPhone)

E quello che non avete ancora risolto?

Riuscire a far addormentare nostra figlia Lavinia in tempi brevi, ma dubitiamo che la tecnologia possa correre in soccorso, ci accontentiamo di YouTube per farle ascoltare Damien Rice prima della nanna.

Singerfood: su Instagram si mescolano ricette, ispirazioni di design e momenti di vita familiare

Singerfood: su Instagram si mescolano ricette, ispirazioni di design e momenti di vita familiare

 

Qual è il gadget tecnologico più strano (o inutile) che avete acquistato?

Un portachiavi con casse incorporate per ascoltare la musica dallo smartphone tramite wifi. Mai usato.

Design nella tecnologia: quanto conta?

Tanto, senza che venga meno la qualità dell’oggetto, ovviamente.

La tecnologia nella famiglia italiana: come la vedete?

Oggi è ancora forte il divario generazionale con gli attuali genitori, nonostante gli sforzi che mamme e papà nati negli anni ‘50 e ‘60 quotidianamente compiono. Nei prossimi anni sarà elemento costante di condivisione, un po’ come è stato per la Tv nel secondo dopoguerra.

Un sogno da condividere?

Quello che abbiamo realizzato: aprire una Trattoria, vi aspettiamo da Trippa Milano, in zona Porta Romana.

Grazie, Pietro e Francesca, per questa bella conversazione e in bocca al lupo per i vostri progetti!