Il decalogo della geek chic

Leslie Sobon

Ho scovato un vecchio articolo sulla Stampa dove si elencano 10 regole per la ragazza geek chic, secondo Leslie Sobon, vicepresidente di AMD. Le riporto qui per condividerle con voi: secondo me, ogni frase riassume perfettamente lo spirito di questo blog, di chi lo scrive e di chi lo legge. Quante di voi leggendole penseranno: “Caspita! Sono sempre stata una geek chic e non lo sapevo!”? :)

1. La geek chic sceglie, non compra. L’acquisto è motivato da una reale esigenza, per esempio scaricare ed elaborare le foto delle vacanze.

2. Lei usa non ammira. Design, nuance, dimensioni, importanti forse ma non fondamentali. L’importante è che il gadget soddisfi le esigenze.

3. Risolve problemi e non perde tempo. Dove andare con i bambini, il viaggio, lo shopping online, il film per tenere a bada la prole, la musica, le ricette.

4. Si veste elegante e si trucca. Niente felpe low cost, occhiali spessi, immaturità straripante, autismo.

5. Chiede e si informa. Le statistiche dicono che le donne usano i social network per informarsi e confrontarsi, più e meglio degli uomini.

6. Esige e non transige. Se un gadget hi tech non risolve il suo problema sarà un problema per chi gliel’ha venduto.

7. Pianifica e gestisce. La tecnologia è un aiuto in più alla sua vita frenetica di mamma e moglie e, spesso, anche lavoratrice.

8. Capisce, poi usa. Quando si rende conto che vale la pena colmare un gap di conoscenza è fondamentale per mettersi alla pari con il mondo, lo fa, e basta.

9. È ecofriendly. Perché rincorrere l’ultima versione di un oggetto del desiderio tech per il puro gusto di averlo senza nuovi benefici?

10. È il consumatore del futuro. Pragmatica, certo, ma anche alla ricerca della semplicità, del gusto, dell’essenza e, soprattutto, è una promoter innata, ma anche spietata.