L’app per chi non ha il pollice verde

Cosa c’è di più chic di un terrazzo tappezzato di piante rigogliose, fiori prorompenti e inebrianti profumi mediterranei? Peccato che il mio amore per le piante di appartamento non sia corrisposto con lo stesso fervore! Dopo un inverno più freddo del solito e un’imperdonabile trascuratezza da parte mia, mi ritrovo gran parte delle piante tristemente intirizzite e spoglie. Certo dimenticarsi di innaffiarle e concimarle non le aiuta a riprendersi in tempo per la primavera… Così ho deciso di prendere in mano la situazione.
Ho passato gran parte della mattina a potare, trapiantare, spruzzare diserbanti e spazzare. Zappetta di qua e taglia di là, ho anche scoperto che il giardinaggio è uno sport soft e rilassante. Mi riprometto di praticarlo ogni domenica mattina adesso che arriva il bel tempo. E intanto mi sono scaricata e configurata Koubachi, un’app per iPhone (e ora anche per Android!) per fare giardinaggio che aiuta chi come me ha memoria corto e pollice tutt’altro che verde.

App iPhone per giardinaggio

Koubachi è una specie di Tamagotchi del giardiniere domestico! Ha un’interfaccia coloratissima in cui puoi registrare tutto il tuo vivaio personale: inserisci la pianta scegliendola dall’elenco, personalizza il colore e la forma del vaso e aggiungi una foto. Approfittane per dare un nome alle tue piantine, ne guadagneranno in salute! Dopodiché puoi iniziare la fase di “calibrazione” di Koubachi: annaffia le tue piantine con una dose regolare d’acqua e tra qualche giorno segnala all’app quando la terra sarà asciutta. Koubachi imparerà ad avvisarti quando è ora di innaffiare ogni pianta, di spruzzarla o di concimarla, dandoti utili consigli sulla temperatura dell’acqua e il tipo di cure di cui ha bisogno la pianta. Così non avrai più scuse di vedere le tue piantine deperire!

L’app è gratis e in inglese e ora disponibile per iPhone, Android e in formato web app. Esiste anche un costoso gadget da vaso per interni o esterni che permette di controllare lo stato delle tue piante in maniera ancora più precisa. Che dire? Ci voleva proprio! Speriamo di continuare ad avere abbastanza costanza da ubbidire ai suoi ordini giornalieri! 🙂